Chiara Dynys

Biografia

Chiara Dynys lavora a Milano. Sin dall’inizio della sua attività,
all’inizio degli anni Novanta ha agito su due filoni principali
entrambi riconducibili
a un unico atteggiamento nei confronti del reale: identificare nel mondo
e nelle forme la presenza e il senso dell’anomalia, della variante, della “soglia”
che consente alla mente di passare dalla realtà umana
ad uno scenario metafisico. Per fare questo utilizza materiali
apparentemente eclettici, che vanno dalla luce al vetro, agli specchi,
alla ceramica, alle fusioni, al tessuto , al video e alla fotografia.

Chiara Dynys ha partecipato a numerose mostre personali e collettive
in importanti musei e istituzioni culturali pubbliche e private.

Tra le mostre personali più significative:
Centre d’Art Contemporain, Ginevra, 1996; Expression – Centre d’Exposition,
Saint-Hyacinthe (Canada), 1997; Museo Cantonale, Ala Est, Lugano, 2001;
Museum Bochum, Bochum, 2003; Kunstmuseum, Bonn, 2004;
Wolfsberg Executive Development Centre, Wolfsberg, 2005;
Rotonda di via Besana, Milano, 2007; Museo Bilotti – Aranciera di Villa
Borghese, Roma, 2008; Palazzo Reale, Milano, 2008; <
ZKM – Museum für Neue Kunst, Karlsruhe, 2009; Archivio Centrale di Stato, Roma, 2010;
Centro Italiano Arte Contemporanea, Foligno, 2010;
Gerish-Stiftung, Hamburg, 2013; Museo Poldi Pezzoli, Milano 2013;
Galerie Hollenbach, Stoccarda 2014; Museo d’arte contemporanea, Lissone 2014.

Fra le collettive si segnalano:
PAC, Milano, 1989; Musée d’Art Moderne, Saint-Etienne, 1992;
Centre International d’Art Contemporain, Montréal, 1994;
Palazzo della Ragione, Mantova, 2000; Scuderie Papali in Quirinale
e Mercati di Traiano, Roma, 2001; Von der Heydt-Museum, Wuppertal, 2002;
Stadgalerie, Klangerfurt, 2003; Institut Mathildenhöhe, Darmstad, 2003;
Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma, 2005;
MART, Rovereto, 2005 e 2011; Fondazione Arnaldo Pomodoro,
Milano, 2005 e 2010; Palazzo della Triennale, Milano, 2007;
Villa Panza, Varese, 2009; Galleria del Credito Valtellinese,
Milano, 2009; ZKM – Museum für Neue Kunst, Karlsruhe, 2009, 2011 e 2012;
Fondazione Orestiadi, Gibellina, 2010; Camera dei Deputati, Roma, 2011;
Museo del 900, Milano, 2012; Museo Pecci, Milano, 2012;
Università Bocconi, Milano, 2012; Collezione Giancarlo e Danna Olgiati,
Lugano, 2012; GNAM – Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma, 2013;
Collezione Giancarlo e Danna Olgiati, Lugano, 2014.

Opere di Chiara Dynys si trovano in importanti collezioni pubbliche e private:
Civiche Raccolte d’Arte, Milano; MART, Rovereto; VAF-Stiftung, Francoforte;
UBS, Milano, Manno, Zurigo; Banca Intesa San Paolo, Milano; Museo Cantonale,
Lugano; Kunstasammlung, Weimar; Atel Energia, Milano; ZKM, Karlsruhe;
Collezione Panza, Varese; Accademia di Architettura – Casa dello Studente, Mendrisio;
Terna Energia, Roma; Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, Foligno;
Mobimo AG, Zurigo; Fondazione Rocco Guglielmo, Catanzaro;
collezione del Museo Poldi Pezzoli; collezione permanente
GNAM- Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma.